Sant’Elena Imperatrice – il Santo del giorno

Nata a Roma da genitori pagani verso il 250, divenuta grande sposò l’ufficiale Costanzo Cloro che la condusse  in Dardania, dove egli era nato e possedeva delle terre. Altri studiosi vogliono sia nata a Drepanum in Bitinia nel golfo di Nicomedia (attuale Turchia); città rinominata in seguito Helenopolis (“città di Elena”) in suo onore, dal futuro figlio Costantino, il che ha causato anche l’incerta e successiva interpretazione dell’ indicazione di Drepanum come luogo di nascita di Elena stessa.

Nel 272  Elena partorì Costantino, il grande imperatore che avrebbe data la libertà al Cristianesimo.  Costantino suo figlio, proclamato imperatore nel 306, la chiamò subito presso di sé, conferendole il titolo prestigioso di Augusta, e  facendole conoscere il vero Dio.

Avendo Elena a disposizione i tesori dell’impero, se ne servì per fare abbondanti elemosine, e per arricchire di vasi e arredi sacri le chiese della cristianità. Dopo il Concilio di Nicea, l’imperatore Costantino si diede con grandissimo slancio a far costruire templi e basiliche, specialmente in Terra Santa. Elena si assunse l’incarico di curare le costruzioni di Palestina a nome del figlio. Giunta a Gerusalemme, fece radere al suolo il tempio di Venere che era stato edificato sul Calvario dai pagani, che avevano così voluto profanare il luogo della morte e della risurrezione di Gesù. Ivi essa scoprì e ritrovò il S. Sepolcro ed il legno della S. Croce.

Dopo questo, Elena fece erigere la basilica sul S. Sepolcro. Ritornata a Roma,spirò tra le braccia del figlio Costantino nell”anno 329.

Fonte: dal web